Pillowtalk: Aspettando Eleva Festival 4.0

janine
Tempo di lettura: 9' min
7 settembre 2016
Festival, Interviste, Save The Date, Tracks_Interview

ELEVA FESTIVAL 4.0 è tornato.
10-14-17 Settembre, 4 meeting e tanti artisti.

Il meeting verde che si terrà Sabato 10 Settembre 2016 ai Chiostri di San Domenico di Reggio Emilia avrà fra gli ospiti i PILLOWTALK della scuderia WOLF+LAMB.

In attesa della loro performance di sabato gli abbiamo chiesto di raccontarsi a noi in un percorso musicale trackbytrack.

13754671_622031554627977_5129564906883446241_n

1) Ghost – Comateens
Una Band New Wave/Post Punk di New York uscì con questo brano chiamo “Ghost”, omonimo titolo del loro dico che debutò nel 1980. La scoprii nel 200 su un 10″ sconosciuto e subito ne comprai 2 copie. Poco dopo venni alla scoperta che il DJ/Producer francese Ivan Smagghe fu l’artefice del re-relase con qualche lieve ritocco. In questa canzone è l’artista sia all’opera con il Mini Korg che una delle due voci. I cantanti hanno un timbro Doo Wop/Rockabilly sfacciato, ma anche così grezzo. Posso dire che i bassi siano stati prodotti con una Lidrum? Suppongo di si, in ogni caso questo Disco è rimasto nella mia borsa per 16 anni.

2) Tim Duysen – Interludium

La prima volta che ascoltai questo brano fu nel 1997 da un Mix Tape di Doc Martin chiamato “Unlock Your Mind” nella raccolta “Unlock the House”. Ascoltai questo brano innumerevoli volte, letterlamente lo consumai, guidando su e giù per la Costa Occidenata da Rave in Rave. Credo di aver riavvolto questa parta del nastro e riprodotto questo brano più di 500 volte…ahahah. La cosa divertente è che a quei tempi non esisteva Shazam, Internet o a volte neanche la Tracking List. Questa canzone è stata una “pulce nell’orecchio” per almeno 20 anni, e solo la settimana scorsa ho scoperto l’Artista e il titolo della canzone. Potresti sentiere questa traccia al Festival.

3) Eric B & Rankim – Follow The Leader
Frequentavo le medie quando questo Disco uscì nel 1988. Trascorsi la prima settimana a memorizzare tutti i testi. Questo fu la mia prima introduzione ad un “suono elettronico”, e ascoltavo Hip Hop dal 1984. La linea di basso era di un altro pianeta e i Testi erano completamente diversi rispetto a gran parte degli Mc di quell’epoca. Rakim è stato ed è un vero Poeta d’alta classe. Questa è una citazione perfetta, l’ho trovata on-line da parte di un cliente su Amazon…vai a capire….Quando questo disco pioneristico uscì negli anni ’80, venne considerato un rilascio esclusivamente Rap. Occupò la stessa posizione culturale che gli attuali Stravanganti Rapper commerciali hanno oggi. Eric & Ra apparivano su Yo! MTV Raps; i Loro singles ebbero il loro spazio sulla mia Stazione Radio locale. Difficilmente sono la prima persona a dire questo, ma paragonare l’esplosione di creatività nel Hip-hop della fine degli ’80 con I rapper papponi, fruste strette e Cristal che dominano BET et al di oggi, credo che ci porti ad fare una serie riflessione su un evidente declino culturale.

 

4) Photek – Ufo
Questo è il primo disco Drum and Bass che acquistai nel 1995. Un rilascio di Mr. Rupart Parks aka “Photek”. È per sempre rimasto un ascolto essenziale e un classico. Parks campionò Pharoah Sanders “Astral Travelling” e programmò attorno ad esso uno dei più stretti Break di batteria che Io abbia mai sentito. L’ho sempre utilizzata per chiudere un set e l’ho sempre sentita come chiusura di un Set, perché è troppo bella per proseguire con un’altra traccia. Un vera e propria “Logical progression” nel Jazz. Se si vuole veramente rilassare e lasciarsi andare in un “viaggio” più profondo, ascoltate questo Cattivo Ragazzo in 33 giri, distendetevi e lasciativi stimolare. Anche il lato A non ti lascia dormire. L’UFO è una voce oscura all’interno del sequestro Sci-Fi e della paranoia.i vari Intro sono Audio tratti dal famigerato “Halt Tape”, l’incidente nella vera foresta di Redlesham.

 

5) 2player – Extreme Possibilities (Wagon Chirst Mix)
Wagon Christ aka Luke Vibert, noto anche come Kerrier District e Plug, giusto per citarne alcuni, ha sempre avuto una grande influenza su di me e la mia carriera. La sua capacità di produzioni camaleontiche gli hanno permesso di muoversi  con molta facilità attraverso House, Disco, DnB, Techno e Ambient. Qui riconosciamo il suo soprannome  “Wagon Christ”, il quale è il suo Idm più pesante e Drum and Bass excursions. Negli anni ’90 ero un grande collezionista di tutte le cose di Ninja Tune da DJ Food, Amon Tobin, Herblizer to Vadim, Ninja Tune, credo, era alla pari con Warp Records e qui poi sentire Luke remixare il 12″ “Extreme Possibilities” dell’artista 2Player. Si tratta di un percorso nella Dub e Downbeat per poi entrare freneticamente nel mondo dei tamburi che posso paragonare ad Aphex Twin o Squarepusher. Contorto ma Funky. Uno disco ai primi posti della mia collezione. Controllate anche “Let’s Dance and Freak” e “I Love Acid” rispettivamente sotto i nick-name Kerrier District e Luke Vibert. Loro avrebbero facilmente potuto fare questa lista.


6) Chez-N Trent – The Choice (Witch Doctor Mix)
Avendo avuto la possibilità di lavorare in uno dei migliori negozi di dischi per musica Dance degli anni ’90, mi ha permesso di scoprire nuova musica giorno per giorno. Ricordo il giorno in cui ascoltai questo disco, che a mio avviso è la seconda miglior uscita su una delle mie etichette House preferite “Prescription”. Un marchio di garanzia per tutti i produttori House, Label aperta da due ragazzi di fuori Chicago, Chez Damier e Ron Trent. Era sempre una bella giornata quando il nuovo disco di “Prescription” arrivava in negozio. Aveva una qualità di audio migliore rispetto ai suoi concorrenti. Era un vinile molto pesante con un Kick mostruoso. “The choice” (With Doctor mix) a mio parere è quello che ha superato la prova del tempo a pieni voti. E mi sembra che molte traccdi “Prescription” migliorino con il tempo. In tutti i casi, un altro disco che è rimasto nella mio borsa per 20 anni.

7) Out Hud – Old Nude
Questa traccia ci riporta a tutte le feste e ai viaggi in campeggio che eravamo abituati a fare tutti insieme, prima che iniziassimo a chiamarci PillowTalk. Eravamo abituati a fare una festa in barca in contrapposizione al Burning Man, chiamata Floating Man. Tutti i nostri più cari amici al lago, festeggiando tutta la notte, e quando il sole avrebbe incominciato a farsi vedere, questa canzone sarebbe dovuta essere lì per l’Alba.

8) Simbad ft. Abdul Shyllon – Supersonic Revelation
Siamo abituati a sederci intorno e ascoltare questa canzone e parlare di come abbiano fatto a produrre tutti i ritmi e molodie con le proprie bocche. Beatboxing e canticchiando le melodie. E l’armonia vocale che rimane al di sopra di tutto tilascia senza parole. È  ‘un fantastico modo per pensare di creare una canzone. Solo l’idea è stata molto stimolante per noi.

9) Tanlines – Real Life (Memory Tapes Remix)
Sammy abitava in questo appartamento a San Francisco chiamato l’Unicorno Garden. Era nello stesso edificio del nostro primo studio. Eravamo abituati ad uscire, fare barbecue e ascoltare  la musica al piano di sotto, a casa di Sammy, per poi andare di sopra e realizzare  alcune idee in studio. Questa traccia veniva ascoltata durante il barbecue poco prima di salire al piano di sopra a produrre. Chiamatelo un catalizzatore, se si vuole.

10) Trus’me feat. Amp Fiddler – Can We Pretend
Una Cover stupefacente della canzone Bill Withers, questa è stata una traccia che mi ha dimostrato cosa si può fare quando si sta immaginando il passato. Sono canzoni come queste che ci hanno dato lo stimolo per andare avanti nei nostri modi di ripensare e ridisegnare la musica che abbiamo tutti cresciuto e amato

 

 

 

13754671_622031554627977_5129564906883446241_n

 

ENGLISH

2) Tim Duysen – Interludium
First heard this on a Doc Martin mix tape called “Unlock Your Mind” from the, Unlock The House series, in 1997. I played this tape out, literally broke it, driving up and down the west coast from rave to rave. I think I’ve rewound this part of the tape and replayed this tune over 500 times…haha. Funny thing is, back then there was no Shazzam, internet or sometimes no track listing. This song has been an ear worm for 20 years and I just discovered the artist and title last week. You might just hear this at the festival.

 

3) Eric B & Rankim – Follow The Leader
Was in 8th grade when this came out in 1988. I spent the first week memorizing all the lyrics. This was my first real introduction to an “electronic sound” and I had been listening to hip hop since 84’. The bassline was from another planet and the lyrics were different than much of the mc’s of that era. Rakim was and is a true poet of a higher class. This is a perfect quote I found online from a customer review on Amazon..go figure..ha. “When this pathbreaking album came out in the 80s, it was considered a mainstream rap release. It occupied the same cultural position that wack commercial rappers do today. Eric & Ra were in rotation on Yo! MTV Raps; their singles got air time on my local FM station. I’m hardly the first person to say this, but to compare the explosion of hip-hop creativity in the late 80s with the derelict, pimp/tight whips/Cristal rappers who dominate BET et al. today, is to do some serious reflecting on a cultural decline.”

 

4) Photek – Ufo
This was the 1st Drum and Bass record I purchased back in 1995.  A seminal release from Mr. Rupart Parks aka “Photek”. It has gone on to be essential listening and an instant classic. Parks samples Pharoah Sanders “Astral Travelling” and programs some of the tightest drum breaks around it that I have ever heard. I have only ever closed a set ar heard it close a set because it’s just too good to follow up. A real true “logical progression” in Jazz. If you really want to unwind, and go on a deeper journey, drop this bad boy on 33rpm’s lay back and spark one. The a-side is no sleeper as well. UFO is a dark entry into sci-fi abduction and straight paranoia. The intro samples real life audio from the infamous “Halt Tape” taken from the eery Rendlesham Forest incident.

 

5) 2player – Extreme Possibilities (Wagon Chirst Mix)
Wagon Christ aka Luke Vibert also known as Kerrier District and Plug, to name a few, has always been a huge influence on me and my career. His chameleon production skills have allowed him to move through disco, house, DnB, techno and ambient with such ease. Here we acknowledge his “Wagon Christ” moniker which is his more heavy idm and DnB excursions. I was a huge collector of all things Ninja Tunes in the 90’s from Dj Food, Amon Tobin, Herbalizer to Vadim. Ninja Tune, I feel, was on par with Warp Records and here you have Luke remixing the 12’’ “Extreme Possibilities”  from artist 2Player. This is a journey into dub and downbeat and later frantically entering the world of drums that that I can only compare to Aphex Twin and or Squarepusher. Twisted yet funky. One of my top records in my collection. Also check out “Let’s Dance and Freak “ and “I Love Acid” under his Kerrier District and Luke Vibert monikers, respectively. They could have also easily made this list.

6) Chez-N Trent – The Choice (Witch Doctor Mix) 
Having the privilege to work at one of the best record stores for dance music growing up in the 90’s, it allowed me to discover new music on a daily basis. I remember the day I heard this record, which I believe was the second release on one of my favorite house labels “Prescription”.  A hallmark label for all house heads, was started by Chez Damier and Ron Trent out of Chicago. It was a always a good day when a new Prescription record would come in the shop. It had a better sound quality to it’s competitors. It was heavy vinyl and always had a monster kick. “The Choice” (Witch Doctor mix) is the one for me that has stood the test of time.  It’ seems most Prescription releases get better with time. None the less, another record that has been in my bag for almost 20 years.
 
7) Out Hud – Old Nude
This one takes us back to all the parties and camping trips we use to all take together, before we started PillowTalk. We use to throw a big house boat party opposite of Burning Man, called Floating Man. All of our closest friends out on a lake, partying all night, and when the sun would come up this song would be there for the sunrise.
8) Simbad ft. Abdul Shyllon – Supersonic Revelation
We use to sit around and listen to this song and talk about how they did all the beats and melodies with their mouths. Beatboxing and humming the tunes. And the vocal harmonies on top of all that really set it off. It’s an amazing way to think of creating a song. Just the idea of that was very inspiring to us.
9) Tanlines – Real Life (Memory Tapes Remix)
Sammy use to live in this apartment in San Francisco called the Unicorn Garden. It was in the same building as our first studio together. We use to all hang out, BBQ and listen to music downstairs at Sammy’s place, and then go upstairs and throw some ideas around in the studio. This track would usually be playing at the BBQ right before we’d go upstairs to jam. Call it a catalyst, if you will.
10) Trus’me feat. Amp Fiddler – Can We Pretend
An amazing cover of the Bill Withers song, this was a track that really showed what you can do when you reimagine the past. It was songs like these that gave us the incentive to move forward in our own ways to rethink and reshape the music that we have all grown up with and loved.

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!