LA TEMPESTA, L’EMILIA…”le Secchiate”

cecilia
Tempo di lettura: 3' min
29 luglio 2014
Festival, Gallery, Hipsteria/Indieria

Quando per un’intera settimana la prima cosa che fai la mattina non è lavarti la faccia ma controllare il meteo significa che qualcosa bolle in pentola per il weekend, giorno dopo giorno ti accorgi di avere una relazione di amore e odio con l’app. meteo del tuo telefono. Come un bambino che attende con ansia la mattina di Natale noi aspettavamo lei: La Tempesta, l’Emilia e la Luna, il festival estivo dell’omonima etichetta indipendente. E finalmente sabato 26 Luglio è arrivato e ovviamente piove ma tutto è pronto: la macchina è carica e non vede l’ora di immortalare i vostri bei faccini, il flash è in borsa e noi non stiamo più nella pelle. Lo ammetto inizialmente ci lasciamo un pó scoraggiare da questo clima autunnale ma poi ci ricordiamo che veniamo dalla bassa, abituati a nebbioni più densi di un budino al cioccolato così 3,2,1 si parte in direzione Soliera. A farci da apri pista è una poco simpatica nuvoletta fantozziana ma al nostro arrivo ci lasciamo affascinare dal clima della cittadina: una piccola street food pronta a sfamare i giovani intrepidi si trova proprio accanto all’entrata del festival dove profumi, dialetti di tutta Italia e la musica si fondono in una cosa sola per dare il via alla nostra serata. L’atmosfera è quasi magica, da favola con il castello che ci mette il suo zampino e tutti quei k-way colorati che popolano la piazza. Giusto il tempo di perlustrare la zona che veniamo subito richiamate all’ordine dalle note di Appino&Co. The Zen Circus sono sul palco e già dopo la prima canzone trasmettono la giusta carica al pubblico che quasi sembra non accorgersi delle prime gocce, un susseguirsi di adrenalina pura. Inutile dire che i ragazzi sanno come muoversi sul palco e come scaldare l’animo del loro pubblico. Ma la tempesta, quella vera deve ancora arrivare. E’ il turno dei Tre Allegri Ragazzi Morti: spettacolari, in tutto e per tutto! Dire che hanno festeggiato alla grande i loro vent’anni di esistenza è poco: il pubblico è in delirio, tutti cantano a squarcia gola e anche quando la corrente se ne va El Tofo accompagnato dal batterista rimane coi suoi fans mascherati per un live in acustico. Poco distante, all’interno del Nuovo Cinema Teatro Italia, Giorgio Canali sta festeggiando il suo compleanno come meglio sa fare: regalando emozioni con la sua musica. E da grande artista quale è non gli pesa nemmeno dividere il palco per un brano improvvisato con l’amico Vasco Brondi. Forse è proprio questa l’unica nota negativa del festival, a causa della pioggia il live all’aperto de Le Luci della Centrale elettrica viene annullato: i fans sono in totale disaccordo e i fischi non si sprecano. Ma noi no, non ci facciamo rovinare la serata da un piccolo intoppo e ci spostiamo verso il circolo che ospiterà gli ultimi tre spettacoli. È compito del giovane producer veneziano Yakamoto Kotzuka fare da pacere e aprire le danze, il ragazzo ci sa fare e scalda il pubblico per quello che sarà un’esplosione di colori e suoni degni del Carnevale di Rio: i Ninos Du Brasil. Il loro è un ritmo che ti prende dentro, dal profondo e senza quasi che tu te ne accorga sei stato contagiato e ballare/scatenarti è il tuo solo e unico obiettivo. A chiudere il festival il dj set dei Ministri, una versione inedita del trio milanese. La pista si sta svuotando e decidiamo di andare verso casa anche noi, felici da far schifo. Perché nonostante tutto, nonostante la pioggia, nonostante Le Luci saltate è stato un festival pauroso e come dice il signor Canali:”Io penso che alla fine quello che vale, soprattuto è la gente che urla fuori.”

Words by Nicol Formignani

Gallery by Cecilia Secchieri

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!