Dropkick Murphys a Sherwood Festival.

Park Nord Stadio Euganeo, Padova - 20.06.2019

richard
Tempo di lettura: 1' min
24 giugno 2019
Festival, Gallery
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Con i Dropkick Murphys, Boston è subito dietro l’angolo

 

Polpetta Mag è stata all’unica data italiana della band, tra coppole, cori da stadio e fiumi di birra

Quando mi è stato chiesto di fotografare il live dei Dropkick Murphys allo Sherwood Festival di Padova, mi sono chiesto se avesse ancora un senso nel 2019 ascoltare una band che suona “celtic punk”. La risposta è arrivata dalle migliaia di fan presenti per l’unica data italiana del tour, provenienti da ovunque, e di un po’ tutte le età. Italia, Svizzera, Romania, Croazia. Stage diving selvaggio, fumogeni tra il pubblico, un sacco di coppole in testa e nove album in studio da cui attingere, i Dropkick Murphys hanno generato un’ammasso di sudore e felicità tenuto insieme da un patriottismo irlandese degno della miglior festa di San Patrizio, anche se a questo giro il frontman Ken Casey ci ha risparmiato i tafferugli.

Insomma, a quanto pare il punk non è ancora morto, ma è semplicemente seduto al pub a tracannare Guinness.

 

Photo: Richard Giori

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!