Djoon Experience Favignana 2019 – che il countdown abbia inizio

tms
Tempo di lettura: 2' min
1 luglio 2019
Festival, News
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Rotta per Favignana, direzione: Dijoon Experience.

Tra precisamente 3 giorni, torneremo sull’isola delle meraviglie e vi possiamo garantire che l’eccitazione è a livelli stratosferici, gli zaini pieni, le macchine fotografiche cariche e pronte a scattare.

Qualche tempo fa vi abbiamo svelato la line up della Dijoon Experience, con in testa gli headliner Amp Fiddler e Rich Medina e vi abbiamo annunciato la location principale, lo Stabilimento Florio, una ex tonnara trasformata in un museo e, per l’occasione divenuta quartier generale del festival.

Ma c’è ancora molto da dire su questa esperienza, vogliamo farlo a partire da un tema molto caro anche Polpetta Mag: l’ambiente e la sostenibilità. Nel 2001 nelle Isole Egadi è stata costituita la più grande riserva marina a livello europeo: ben 53.992 ettari di mare; che sono rigidamente tutelati e sorvegliati. In un momento di grande attenzione rispetto all’inquinamento dei mari causato dalla plastica, l’organizzazione del Festival ha previsto l’utilizzo esclusivo di bicchieri “intelligenti” riutilizzabili.

Questa invenzione (tutta italiana) non è nient’altro che un bicchiere in silicone contenente un chip che comunica con gli smartphone e con il terminale dei vari bar posti all’interno del festival. Si, avete capito bene: basterà ordinare da bere con l’app, presentarsi al bar, e farsi fare il pieno, senza sprecare ulteriori bicchieri. Geniale, no?

L’organizzazione non si è voluta fermare qua: nelle giornate del Djoon Experience, in collaborazione con Ecopoli, una associazione in capo al Politecnico di Torino, saranno effettuate operazioni di pulizia di tratti costieri, analisi ambientali e conferenze, per sensibilizzare avventori, staff e abitanti nei confronti della tematica ambientale,

Quindi possiamo dire, senza dubbio alcuno, che non sarà il solito festival tutto musica e divertimento, ma un’esperienza che coinvolgerà a 360 gradi chi sarà presente.

(continua sotto)

Ma non finisce qua.

Pochi giorni fa sono stati annunciati sulla pagina facebook del festival, alcuni eventi imperdibili: oltre alle installazioni artistiche dei giovani talenti locali, sarà allestita una mostra a cura dell’associazione culturale Terra Sonora, dove saranno esposte le opere di Francesco Casolari, giovane artista bolognese, conosciuto a livello internazionale. A questo aggiungiamo la proiezione di “Rosso” un cortometraggio girato sull’isola, selezionato per la Cinefondation del Festival di Cannes.

A questo punto non resta molto da dire, se non che vi possiamo garantire che sarà un’esperienza coinvolgente, difficile da descrivere a parole. Non vi resta che venire al Djoon – o seguire Polpetta Mag che come media partner non mancherà di aggiornarvi giorno dopo giorno con tante preview su Instagram e Facebook.

Solo un ultimo consiglio:  apritevi all’esperienza, lasciatevi trasportare dalle vibes, sulle note musicali dei migliori dj soulful house al mondo. Non vi pentirete di aver scelto Favignana.

Ci vediamo là. Nel frattempo, se volete saperne di più, fate un giro sulla pagina Facebook del festival. I biglietti li trovate qui.

 

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!