Trip Diary #Street Parade, Zurigo 2013#

polpetta
Tempo di lettura: 3' min
18 settembre 2013
Review 4 U, Trip Diary

1305387_10201917187830772_1264066132_n

“Ooooh Pla, ci sarebbe la street in Agosto, si va ??” Così se non ricordo male si è messa in moto la macchina organizzativa, erano gli ultimi giorni del Sonar e siccome geograficamente eravamo un gruppo mal distribuito per rivederci bisognava trovare una scusa valida. E quale scusa migliore della Street Parade ? Il carnevale di Zurigo come mi piace definirla, ma è molto più di un carnevale, se trovi bel tempo è un’esperienza da provare almeno una volta nella vita !!! Un mare di gente proveniente da tutt’Europa che confluisce a Zurigo per la più grande parata Europea di musica elettronica. Per cui si fa, appuntamento a Zurigo dunque, dopo varie ricerche, prenotazioni online e attesa ci si incontra davanti al portone dell’appartamento. “Oh ma lo sapevi che senza volere abbiamo prenotato nel quartire a luci rosse ??” “Ah si ??” “Guarda, guarda un pochino girato l’angolo !! Cominciamo benissimo !!” E così la sera prima del grande giorno decidiamo di andare a farci un giretto per la città che ancora non sembra sapere assolutamente cosa la aspetta l’indomani. Incontriamo degli altri amici matti con i quali ci eravamo dati appuntamento e che non vedevamo dal Sonar (e questi si sono fatti la strada per Zurigo da Foligno con una macchina a noleggio) e si va a bere qualcosa, niente di impegnativo, la street inizia presto la mattina si sà. Sveglia alle 10, doccia volante, bottiglie di vodka e thè alla pesca e via che si esce armati fino ai denti e carichissimi. “Cerchiamo i palchi ?” “Naaa, giriamo alla cazzo per ora” Effettivamente iniziare a “cercare” qualcosa in mezzo a quasi un milione di persone che ballano e seguono carri che sparano musica di tutti i generi a palla non è proprio una cosa semplicissima, corri anche il rischio di farti prendere dal nervoso oltre che di perderti. Ma anche questo fa parte del gioco, se la prendi con la dovuta calma tutto è parecchio divertente invece. Puoi assistere a scene epiche come, gente seduta sugli alberi delle vie o che si arrampica sui semafori, matti che si lanciano dai ponti per fare tuffi in acrobazia e poi il panorama di una Zurigo in festa e coloratissima sotto il sole d’estate è davvero uno spettacolo, credetemi. Finita la prima boccia da 2 litri tocca aprire la seconda, il che significa zaino più leggero ma non migliore agilità di movimento. A questo punto basta girare, scoliamoci la seconda sotto il palco di Luciano. Si ma il palco dov’è ?? Dopo un ora riusciamo a raggiungerlo, e stava solo a 500 metri da noi, ma si sa, quanto tenti di attraversare un ponte stipato di gente le operazioni non sono mai semplici !!! Arriviamo che c’è Mirko Loko e si balla alla grande ! Poi Oliva e Luciano ma non abbiamo il tempo di sentirci tutto il set fino alla fine, in tasca ci sono pure i biglietti dell’after e una boccetta. “E questa ?” “Questa ? Arriva dall’olanda, sta sera si ride !!!” Birretta mettiamo qualcosa nello stomaco e via con 3 goccette in bottiglia tanto per gradire. Arriviamo all’ingresso che già stiamo ridendo come dei deficenti, rimaniamo serie per il controllo all’ingresso e poi….. After per tutti i gusti, 3 sale e altrettanti generi, ma di sentire Ellen CATZ N’ DOGS e PIG & DAN poca voglia. Per saltare fino al mattino ci vuole della Techno come si deve e allora niente di meglio che rimanere tutto il tempo nella sala con CHRIS LIEBING, LEN FAKI e FELIX KRÖCHER. Una garanzia, bombe su bombe, risate su risate, birretta “Bèlla frèscka” a fiumi e ghigna perennemente stampata in faccia, un sorriso da paresi facciale !!! In men che non si dica si fanno le 7 del mattino. Cazzo è già finita ? Beh in effetti adesso che ci penso ho i piedi completamente distrutti e le gambe non sono messe meglio, guardo le scarpe e… si meglio non riguardarle di nuovo, il colore bianco è stato sostituito da un marrone indefinito. Ma tutto questo è solo segno che ce la siamo vissuta fino in fondo questa street, quindi mentre ci riavviamo a pezzi, buttati dentro ad un taxi come dei cadaveri in un baule di una macchina in un fil di tarantino mi metto a pensare…. L’anno prossimo si replica ??

Djampi

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!