Sevdaliza @ Circolo Magnolia – 21.11.17

gloria-soverini
Tempo di lettura: 2' min
26 novembre 2017
Review 4 U
Clicca qui per pulire l'area di disegno
Se abiti a Reggio Emilia e vai a Milano di martedì sera, ti senti un “cittadino del mondo”; se abiti a Reggio Emilia e vai a Milano di martedì sera per fotografare Sevdaliza al Magnolia, allora ti senti particolarmente fortunato.
Così mi sono sentita nel tragitto che quasi mi ha condotta all’aeroporto di Linate, sarà che siamo un po’ tutti falene quando vediamo delle insegne così luminose.
Giro a sinistra anziché a destra, sono salva.
Fa un freddo cane e al Magnolia, invece, è giustamente buio. Nell’attesa dell’inizio del live ci intrattengono vino, birra, tranci di pizza e delle playlist ben riuscite.
Quando tutto inizia e lei, Sevdaliza, fa il primo passo sul palco, per un attimo sembra che ogni cosa si fermi sospesa, e forse è così. Nella sua imponente bellezza ci si sente un po’ spaesati; mi guardo per un attimo alle spalle e riconosco nell’espressione del pubblico delle prime file i miei stessi pensieri.
Il concerto è qualcosa di indescrivibile; Ison e The Suspended Kid vengono toccati nei loro brani migliori (gusti personali). Su Hubris mi viene quasi da piangere, su That Other Girl mi dimentico di essere lì.
Lei canta e si muove con i suoi lunghi capelli neri e uno sguardo incredibile, accompagnata dai movimenti di Gil, il ballerino che interpreta le canzoni come fosse posseduto, come fosse innamorato, fatto sta che è bravissimo e chi l’avrebbe mai detto che avremmo assistito ad un concerto del genere.
In fondo ci sono tre ragazzi che ballano e sono vestiti un po’ strani. Il pubblico è vario, qualcuno si muove, qualcuno limona, qualcuno sta fermo immobile a bocca aperta.
Ci viene concesso il bis e una rosa lanciata a chissà quale fortunato, che allunga la mano e se la prende.
Quando tutto finisce e Sevdaliza lascia il palco, allora sembra che si possa tornare alla normalità, con il ragazzo della security che ci manda via in fretta perché devono smontare.
Words and Pics by Gloria Soverini

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!