DEKMANTEL FESTIVAL LEGENDS: THEO PARRISH.

luca-vitale
Tempo di lettura: 2' min
25 maggio 2016
Festival, Il Giovedì di Vith

934712_1286617181365456_8343591370439412738_n

La tiepida estate Olandese sarà bollente dal punto di vista ballerino. Siamo totalmente in tilt da quando la lineup di Dekmantel è stata rilasciata. Passano le settimane ma il piacere nel leggerla, rileggerla e straleggerla è inalterato e l’entusiasmo è incontenibile. Se vi siete persi le ultime puntate, andate a vedere di che festival stiamo parlando.

DekmantelFestival2014-dag3-139 DekmantelFestival2014-123

Bello eh? Tra gli altisonanti nomi di forte richiamo, Dekmantel si discosta dagli altri festival per essere equilibratamente alternativo ed innovativo. Solitamente schivo a piedi pari gli eventi troppo “schierati” o quantomeno portanti di un ideale troppo decentrato ma quando si leggono certi nomi è difficile rimanere fermi senza fare carte false per esserci. Uno di questi è Theo Parrish, leggenda titanica del panorama musicale non solo elettronico, ma anche mondiale, che si esibirà a Dekmantel Festival nel day 1, venerdì 5.

Theo-Parrish-I

Theo Parrish non è paragonabile a nessun altro artista al mondo. Siamo davanti ad un vero e proprio pioniere, esploratore e ricercatore della musica e totalmente slegato da fantomatici partiti appartenenti a un genere musicale piuttosto che a un altro.

Nato a Washington e cresciuto a Chicago, Theo mostra questa sua poliedricità sin dai primi anni 80 quando inizia la sua carriera costellata di successi e riconoscimenti anche da importanti università americane.

La sua attitudine a non omologarsi con un particolare movimento musicale ha mantenuto attivo Theo Parrish su diversi fronti, dalla black music (soul, jazz, hip hop, r’n’b) fusa con note più moderne house e loop ipnotici. Un approccio anticonvenzionale che tutt’ora è tangibile nei suoi dj set ed esibizioni live.

Artisti di questo calibro però sono spesso sottostimati, o mai del tutto compresi. Ignoranza ? Non credo. La poca voglia di introspezione nella musica è il problema, la mancanza di ricerca e la tendenza sociale a sentirsi parte di movimenti più “trendy” e di massa che poco hanno a che fare con la cultura musicale piuttosto che ascoltare le proprie sensazioni quando si ascolta una traccia.

Theo Parrish se ne strafrega di quanto appena detto. Dalla sua carriera tortuosa e senza punti di riferimento ne ha colto una esperienza immane, un viaggio tra la musica impagabile e che espone magistralmente attraverso le sue esibizioni, il racconto di una vita mediante le note che basta semplicemente ascoltare per carpirne le sue vibrazioni e sensazioni più profonde.

Eppure Theo non è mai stato sulla cresta dell’ onda, mai conclamato dal pubblico di massa fino a elevarlo su troni immaginari come spesso succede al giorno d’oggi, ma 30 anni di attività a questi livelli sono la prova di come ancora la musica la abbia vinta sull’industria costruita sul clubbing. Ma quando quest’ultima predomina e conduce la musica secondo le esigenze delle regole del clubbing si perde la magia. Perciò teniamoci stretti queste icone e supportiamole, sono l’essenza di ciò per cui viviamo.

Theo Parrish si esibirà a Dekmantel in un b2b di 5 ore con Marcellus Pittman, un’altra leggenda americana con cui assieme a Moodymann e Rick Wilhite formano i 3 Chairs, complesso live da brividi considerate le carriere singole dei componenti appena citati. E chissà se suoneranno disco, vecchie perle chicago house o lente e viaggiose note jazz… Il bello dell’ inaspettato, qualcosa che ci manca nella nostra cultura.

Ci vediamo in pista!

Dekmantel fb.

Dekmantel website. 

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!