Ross From Friends: Family Portrait

alessandro
Tempo di lettura: 2' min
25 settembre 2018
In primo piano, Review 4 U
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Felix Clary Weatherall trae ispirazione dal campionamento del più becero hip-hop con sfumature Lo-Fi mescolando tutto ciò che è carico protraendosi all’integrazione di un semplice pianoforte

Il nostro amico meglio conosciuto come Ross From Friends con sede nel sud di Londra, offre la sua interpretazione compressa e fiduciosa di un genere tutto sperimentale con il suo ultimo Ritratto di Famiglia.

Family Portrait” compare nel catalogo della Brainfeeder di fianco ai mastodontici Mr. Oizo, Jon Hopkins e al solleticante Kamasi Washington.

Questo album si ispira ai racconti di come i suoi genitori, amanti del raving più crudo dei primi ’90 si sono conosciuti. E probabilmente hanno plasmato in maniera del tutto cosmica prima della nascita quello che sarebbe stato il grande cammino del nostro Ross From Friends. Un viaggio in pullman per l’Europa attraverso una Berlino divisa al viaggio d’andata e ritrovata unita in quello di ritorno. Durante questa esperienza hanno raccolto impressioni che – sempre cosmicamente – sono state trasmesse alla coscienza del figlio. Riuscendo poi a sua volta a trasmetterle alla grande nel suo album.

Granelli di IDM, sonde balearic e frutti con radici ben salde nella più dance-oriented icastica elettronica è la miscela racchiusa in questo album. Memorie vintage (The Knife) fuse con prospettive futuriste più techno (Project Cybersyn, The Beginning) affiancate da romanticate malinconiche (Wear Me Down) si sposano benissimo con ritmi drum’n’bass (Parallel Sequence). Passando infine per morbidi marshmallow lanciati dal cielo (Don’t Wake Dad).

Un breve riassunto iper-calorico di questo bel “Ritratto di famiglia” che tanto ha riscaldato questa nostra estate, rendendo l’attesa per l’uscita di questo album un vera e propria dispnea-tica.

Ascoltatelo.

Quanto al nostro Ross From Friends avete la possibilità di ascoltarlo dal vivo proprio questo weekend, a Bologna durante roBOt Festival, precisamente sabato 29 settembre per l’after-party al Link.

Il nostro consiglio è di non lasciarvelo scappare.

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!