Due anime, un solo festival: Sònar Bcn 2017

polpetta
Tempo di lettura: 3' min
1 aprile 2017
Festival

unnamed

 

Il Sónar Music Festival non è di certo un festival che ha bisogno di grandi presentazioni, si tratta di un evento che è stato ed è tutt’ora in grado di creare un polo di attrazione per tutti gli appassionati di musica elettronica d’Europa e non solo. L’appuntamento quest’anno sarà dal 15 al 17 giugno, la città è quella di Bacellona dove il festival ha fondato le sue radici prima di espandersi worldwide in luoghi come Stoccolma, Istanbul, Reykjavik e Hong Kong. 
 
La risonanza del festival è tale da esser riuscita a creare  un vero e proprio circuito “off” con eventi collaterali nelle più svariate e suggestive location nei dintorni della città Catalana. Un circuito off che vedrà coinvolte quest’anno, così come nelle edizioni più recenti, tutte le maggiori lables di musica house e techno tra cui giusto per darvi un idea “Innervision” con Âme & Dixon a capofila, “Afterlife” capitanata dai Tale of Us, “Mosaic” by Maceo Plex, “Pampa Record” con Dj Koze ma potremmo continuare per ore… artisti che stanno scrivendo la storia della musica elettronica del nuovo millennio saranno tutti concentrati nella settimana del festival a Barcellona.
 
Ma facciamo un passo indietro o meglio avanti. La risonanza di un simile movimento off trova ragione di esistere grazie al vero e proprio motore di attrazione: il FESTIVAL. L’anomalia sta nel fatto che il circuito off diventa “mainstream”, passatemi il termine, e l’evento principale si evolve, esplora nuovi territori musicali, ricerca le nicchie.
Mi piace usare la parola cutting edge “the most modern stage of development in a particular type of work or activity” per definire questo evento, un evento in grado di mantenere il focus su ciò che è la musica elettronica, sulla creatività che questa rappresenta, cercando di coglierne nuove e più svariate sfaccettature.
 
Il Sónar diventa un vero e proprio punto di incontro per un pubblico alternativo, artisti emergenti e i più influenti professionisti della musica e dell’arte contemporanea si fondono insieme. 
Due sono infatti le anime che il festival porta con se, quella diurna più sperimentale e con un forte focus su artisti emergenti e quella notturna, più “attrattiva” se vogliamo e adatta a soddisfare un pubblico più ampio. Nomi come MODERAT, NICOLAS JAAR, DJ SHADOW, JON HOPKINS, NINA KRAVITZ, ERIC PRYDZ avranno il compito di attrarre migliaia di persone ma la vera anima del festival, quella più profonda ed innovativa, risiede in quella by day, più avveniristica, ricercata e decisamente più intima.
unnamed-1
Ed è qui che ci piace mettere il focus ed in particolar modo su alcuni live act assolutamente interessanti e che non possono a nostro avviso essere persi:
HVOB, duo austriaco  fresco di due nuovi singoli, preview dell’album in uscita SILK. Ascoltate  “HVOB & Winston Marshall – Deus” e abbiamo già detto tutto.
Andy Stott con il suo album “Too Many Voices” classificato tra i migliori del 2016 secondo “Bleep.com”. Ecco qui un assaggio:

Clark: anche lui con il nuovo album in uscita che si preannuncia assolutamente all’avanguardia  e finalmente in tour dovo diversi anni. Gustatevi la preview di Death Peack:

Il cantante, compositore e produttore Roosevelt con le sue sofisticate melodie synt pop. “Rooselvelt – Hold On” ci piace per descriverne il genere:

n questa direzione inoltre, l’edizione 2017 si arricchisce con la creazione di un nuovo spazio. Sonar XS, il nono stage del festival. L’obiettivo di tale lancio vuole essere proprio quello di introdurre giovani talenti della scena underground, sia spagnola che internazionale, presentando piccoli shows e suoni non convenzionali che consentiranno al pubblico più esigente del festival di scoprire nuovi generi e vivere performance avvolgenti e del tutto personali. 
Confermate le location della passata edizione, i due poli fieristici Fira Montjuïc per la versione diurna, in pieno centro città, e Fira Gran Via L’Hospitalet per la versione by night. 
 
Cosa dire, un week end che lascerà poco spazio per visitare la città, un week end in cui sarete totalmente immersi nella musica, non stop tra giorno e notte, festival e off festival. Qualche pillola sugli artisti ve l’abbiamo data ma un intero mondo rimane da esplorare.



Vivere il festival significa vivere entrambe le due anime e quest’anno più che mai l’anima by day promette  performance d’eccezione. Ricordo con particolare emozione il via vai di gente nel corso della precedente edizione nei pressi del sonar day situato proprio di fronte alla scalinata di Plaça d’Espanya in un estate alle porte di un week end di giugno che difficilmente dimenticherò.
 
Link per info e ticket: https://sonar.es/
words by Marco ADV Festival

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!