Ska-P, la reunion sotto il bosco di Sherwood

polpetta
Tempo di lettura: 1' min
2 luglio 2019
Gallery, Review 4 U
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Gli Ska-p sono tornati, i figli della classe operaia sono di nuovo sul palco pronti a farci divertire e riflettere con le loro canzoni di denuncia.

 

Perché si sa, quando la band di Madrid sale sul palco l’aria è quella di una festa. Una festa bollente, pronta a farti scatenare e rivivere i tuoi 17 anni in compagnia di vecchi amici.

Non importa se hai passato i 30 anni. Non importa se la trap pare essere il genere del momento. Non importa se Studio Aperto continua ad assillarci con i suoi speciali sul caldo, rimarrai sempre un animo da concerto. E i concerti si sa, come le feste, vanno santificati. Ed eccoci qui, di nuovo nella foresta di Sherwood per la cronaca di un successo annunciato: il ritorno degli Ska-P.

Oggi come allora Pulpul, accompagnato da un pubblico partecipe, ha intonato il suo credo antifascista. La perdita di Pipi (performer e seconda voce) non ha di certo ‘rammollito’ la band. Joxemi alla chitarra sembra essere quello di 20 anni fa, un tutt’uno con la musica: anima e cuore, il vero cuore pulsante della band. Due  ore di concerto nelle quali pezzi storici come Gato Lopez, Vergüenza, Cannabis e Mis Colegas hanno fatto ballare e pogare 9000 persone. Dopo un abbraccio collettivo sotto le note del Vals del obrero gli Ska-p concludono ringraziando il pubblico e dicendo ‘Nos lo hemos pasado genial’, come dargli torto?!

!Hasta pronto compañeros!

Testo: Nicol Formignani // Foto: Cecilia Secchieri

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!