Human Traffic avrà un sequel

Annunciato il seguito del celebre film del 1999

richard
Tempo di lettura: 2' min
10 aprile 2019
News
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Annunciato il seguito del film che portò sullo schermo la rave culture inglese degli anni novanta, e ruoterà intorno alla Brexit

È ufficiale, Human Traffic avrà un seguito. Film indipendente del 1999, scritto e diretto dal regista gallese Justin Kerrigan, è divenuto un vero e proprio cult portando sullo schermo le vicissitudini di un gruppo di adolescenti inglesi tra problemi esistenziali, droghe sintetiche, pupille dilatate e rave party. Il tutto condito da una colonna sonora pazzesca, curata da Mattew Herbert e Pete Tong. Si intitolerà Human Traffic: The Revolution e pare che i membri del cast originale, Danny Dyer, Sahun Parkes e Nicola Reynolds siano stati tutti confermati.

Dell’uscita di questo sequel si era già parlato per la prima volta nel 2016 su una pagina Facebook per il follow-up relativo al progetto, e anche se al momento non c’è ancora una data di uscita, sembra che proprio i social siano la prima porta di uscita per qualsiasi notizia. Il regista ha inoltre dichiarato che la sceneggiatura di Human Traffic: The Revolution era già stata scritta e che è stato concordato un accordo per la distribuzione nel Regno Unito. Parlando ad un evento del 20° anniversario del film a Tramshead (Cardiff), Kerrigan ha anche spiegato che si tratta di una “reazione alla Brexit”.

(continua sotto)

human traffic sequel

Ciò che ha reso famoso Human Traffic è stato il modo in cui affrontava temi legati all’età, alle culture delle droghe sintetiche e dei club includendo l’uso di filmati d’archivio per fornire commenti politici e scene che provocarono forti reazioni sociali, ma evitando sempre di moralizzare l’impatto dello stile di vita della club culture degli anni ’90. Human Traffic si concentrava infatti sul ricreare le “vibrazioni, i luoghi e l’umore” del movimento dance dalla seconda summer of love iniziata tra il 1988 e il 1989, quando esplose la rave culture britannica.

E se il primo film esplorava comunque tematiche forti, questo secondo capitolo affronterà un tema altrettanto importante. L’uscita quindi del Regno Unito dall’Unione Europea sarà infatti il leitmotiv principale della storia, ambientata a Cardiff e a Ibiza. Sarà interessante vedere come si svolgerà un sequel come risposta al panorama in continua evoluzione della Brexit.

Al momento non ci resta che aspettare, ma nel frattempo…ce l’hai il jungle, capo?

 

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!