I clubber in Cina stanno organizzando dei rave in streaming su TikTok e Douyin

richard
Tempo di lettura: 2' min
25 febbraio 2020
News
Clicca qui per pulire l'area di disegno

Milioni di cinesi sono bloccati a casa per l’epidemia di Coronavirus, così club e discoteche di tutto il paese li intrattengono organizzando dei rave in streaming a cui partecipare online

Se tra le conseguenze della diffusione del Coronavirus migliaia tra uomini e donne cinesi sono stati messi in quarantena – e quindi impossibilitati ad uscire di casa – club e locali notturni insieme ai loro artisti hanno iniziato da diverse settimane ad organizzare rave e concerti virtuali su TikTok e su altre piattaforme web, permettendo alle persone in isolamento di fare comunque festa.

Il primo evento del genere è stato il Bedroom Online Cloud Music Festival. È stato organizzato dall’agenzia di ticketing Music Festival RSS ed è stato trasmesso il 31 gennaio su Bilibili, altrimenti noto come “YouTube cinese”. Secondo il ramo asiatico di Vice, l’evento ha avuto un tale successo che ha ispirato molti altri club e discoteche ad organizzare spettacoli simili già sprannominati “cloud rave”. In generale, queste esibizioni sono semplicemente repliche, ma la cosa bella è la possibilità di chattare dal vivo con migliaia di altre persone, eludendo così gli effetti dell’isolamento dovuto alla quarantena del Coronavirus. DJ e locali notturni hanno anche tenuto rave virtuali su Douyin, la versione cinese di TikTok. Le persone del pubblico hanno poi pubblicato i loro video mentre ballavano nelle loro case durante questi rave.

(continua sotto)

E se questi show virtuali attirano centinaia di migliaia – nonchè milioni di persone – di conseguenza generano anche un giro di parecchi soldi.

Ad esempio il 9 febbraio, grazie ad alcune ore di streaming live il noto club cinese OneThird (che ha filiali a Pechino e Hangzhou) ha ricevuto quasi 20 milioni di monete TikTok virtuali dagli spettatori, il che equivalgono jnella realtà a circa 150mila euro. In alcuni di questi casi il ricavato è stato raccolto anche per una buona causa: uno show di San Valentino organizzato dai giganti dello shopping online TaoBao e Alibaba ha attirato più di 4 milioni di visualizzazioni e i suoi profitti di oltre 100 mila euro sono stati donati a diverse associazioni di personale medico in prima linea contro l’epidemia di Coronavirus.

(continua sotto)

Tutto questo apre comunque un altro interrogativo: nell’era digitale in cui le nuove generazioni – complici soprattutto i social network – sono sempre più connesse, accusando così una dipendenza da relazioni virtuali a scapito di quelle “faccia a faccia”, è forse questo l’inizio di una nuova trasformazione del clubbing e del modo di usufruire della musica in quelli che a tutt’oggi sono “spazi condivisi” come il dancefloor di un normalissimo club? Certo vale comunque la pena ricordare che solo negli ultimi vent’anni abbiamo assistito a più di un cambiamento significativo in quella che è sempre stata la normale fruizione musicale. Da myspace a spotify, dalla crisi delle discoteche ai grandi eventi organizzati, che la stessa evoluzione accaduta nell’ambito del gaming online non stia per accadere anche alla club culture? Probabilmente è ancora presto per dirlo, tuttavia è comunque impossibile non considerarlo come il tassello iniziale di un cambiamento epocale.

 

 

coronavirus clud rave

coronavirus clud rave

Ehi, hai mai sentito parlare di Patreon?
Dal momento che sei qui, perché non contribuire?

Patreon è un sistema di micro-donanzioni ricorrenti con il quale supportare economicamente Polpetta e permetterci di continuare ad offrirti contenuti favolosi.

Diventare membro di Patreon è facilissimo!

Contribuisci ora

Partecipa alla conversazione!