sonar2016_FFO1

Sònar Barcellona 2016 – FOCUS ON FOR FOUR Part.1- Mind Against, Howling, Four Tet, John Grant.

Il Sònar 2016 ci stupisce ancora una volta con la sua line up mozzafiato, citata in questo articolo :
http://www.polpettamag.com/sonar-bcn-2016-full-line-up-annunciate/
Partiamo con uno zoom sui Mind Against :
10623416_1040251669370954_7804012381885199373_o
Il duo è formato dai fratelli Freddie e Alex (Alex e Federico Fognini ), nati e cresciuti nella scena elettronica milanese, da alcuni anni affermati nel mondo della notte grazie alla famosa etichetta Life & Death , label nata da un’idea di Romano Manfredi aka DJ Tennis che in pochi anni ha contribuito a reinventare la musica da club, in modo particolare la deep-techno nelle sue diverse.
Ripercorriamo alcuni loro successi, i loro più importanti  Life & DeathAtlant (2013)Avalon (2014)Strange Days (2014), senza contare le numerose collaborazioni e remix con Tale of Us , Somne e Loocked Groove.
Da anni girano fra i più importati festival d’Europa e del mondo come ad esempio il BPM Festival in Messico, ADE, WMC, DGTL e finalmente quest’anno a consacrarli nell’olimpo dei big approdano al Sònar di Barcellona nel main stage, dopo Richie Hawtin.
Spostiamo ora la nostra lente di ingrandimento su Howling.
howling
Howling” ha diverse definizioni: può significare “terribile” o anche “eccezionale”, e in un contesto uditivo significa un suono lungo e prolungato da esempio un lupo o un bambino che piange.
Questi significati possono aiutarci a capire la musica del Ry Cuming (cantante e compositore americano) e Frank Wiedermann (Dj & Producer noto per il duo tedesco Âme)

 Le loro composizioni spesso iniziano con Cuming , un cantante espressivo e carismatico che con il suo aspro ” vocal style ” rappresenta giustamente il nome del gruppo. Nel frattempo Wiedermann si dedica alla produzione di brani ritmati e melodici, con un conseguente suono simile ad artisti come KiasmosTourist , Bob Moses e Junior Boys.

Recentemente sono entrati nella prestigiosa e influente lista di Resident Advisor per i migliori spettacoli dal vivo del 2015, che fa ben sperare per il loro live al Sònar. Qui la loro esibizione per Boiler Room , incredibile!

 Con il “soprannome” Howling, i due hanno rilasciato l’uscita perfetta per i loro rispettivi talenti, coerenti con il nominativo “Howling“. Una vera e propria perla della label berlinese Innervision IV39.

 Hanno guadagnato subito l’appoggio di un pubblico del pubblico , grazie alle loro composizioni , come il loro primo Album “Sacred Ground” (Monkeytown, 2015) che è stata un’ulteriore prova della qualità che costituirà il loro live di debutto al Sònar

Giriamo ora il mirino su Kieran Hebden aka FOUR TET
four-tet1
Londinese, classe 1977, Kieran Hebden è cresciuto coi vinili di papà e la drum’n’bass diffusa a scuola nell’aula studenti.
Al liceo si dedicò al post-rock assieme agli amici fino a gettarsi a capofitto nell’ascolto del free-jazz. Iniziò dalla sua cameretta con le prime produzioni , grazie a un pc, qualche software freeware e svariate cartelle di sample, jazz e non, raccattati qua e là.  Rilasciò diversi lavori , con i nomi 4T Recordings, Joshua Falken e, finalmente, Four Tet.
Le sue tracce spaziavano dalla techno al post-rock, ma mostravano chiaramente una predilezione per il suono “arroventato” del jazz psichedelico e i beat hip-hop. Tracce che avevano un forte collegamento ad una specie di “dark-jazz” .
Il suo primo singolo fu 36-minute ‘Thirtysixtwentyfive’ uscito sull’etichetta di Trevon Jackson (1998).  Dialogue è stato invece il primo album di Four Tet , che  fondendo le linee di batteria con l’hip-hop e con campionature di jazz dissonanti dava vita a qualcosa di davvero nuovo.

Ha continuato per anni a “sfornare ” album e produzioni anche in collaborazione con Steve Reid, a Parigi e Londra.
Hebden ha anche remixato e collaborato con artisti come Madvillain, Bloc Party, Super Furry Animals, Beth Orton, Badly Drawn Boy, The Notwist, Boom Bip, Kings of Convenience , Radiohead e Burial.

Four Tet è molto più di un dj e produttore. La sua abilità ed una vista così ampia e panoramica della musica gli hanno permesso di muoversi sinuosamente tra i generi, facendo di lui un artista molto particolare, rispettato e ammirato da parte del pubblico, compresa la stampa ed i suoi colleghi. E’ senza dubbio un’artista completo che nel corso degli anni ha elaborato una mirade di progetti e ruoli allo stesso tempo con risultati incredibili. Non vediamo l’ora di goderci la sua performance al Sònar 2016.L’ultima artista del nostro
FOCUS ON FOR FOUR è John Grant
John Grant, CD of week

John  è un musicista e cantautore statunitense nato nel Michingan a Buchanan negli Stati Uniti nel 1968.

Nel 1994 forma i The Czars di cui è il cantante e frontman nei sei album pubblicati fino al loro scioglimento avvenuto dal 2004 per motivazioni interne.Trasferitosi poi a New York, inizia ad esibirsi come solista suonando di supporto per Flaming Lips e Midlake. Sarà proprio quest’ultima band a notarlo e ad aiutarlo a comporre, registrare e produrre in due mesi il suo album di debutto Queen of Denmark pubblicato nel 2010 dalla Bella Union, la stessa etichette discografica della sua precedente band.

L’album gli è valso un Mojo Award come “Miglior artista dal vivo”, oltre a due ulteriori nomination per le categorie “Miglior canzone”, con “Marz”, e “Miglior album”. Il suo genere , se possiamo permetterci di definirlo si orienta sul “Folk”  – “Alternative Rock” – “Soft Rock”.

Grant è uno dei compositori più sofisticati e artisti che possiamo trovare in giro oggi : pura classe!
Ed è anche il più versatile: l’uomo del Michigan ha  grosse abilità nel muoversi da un ritmo pop-rock con una strumentazione classica ed una raffinata estetica, fino all’mpennataall’electro glam.
Sempre più libero dalle catene della struttura tradizionale e dagli schemi musicali prestabiliti, le sue nuove canzoni sono più moderne e viscerale che mai, senza perdere nulla della sua identità musicale che da tempo lo contraddistingue.
Se potessimo paragonare Grant , senza dubbio diremo che è
 come Benjamin Button: più gli anni passano , e pià giovane appare.

Dopo che il gruppo di Grant si sciolse si prese alcuni anni per riposarsi e per riflettere prima di rilasciare il suo debutto da solista, “Queen of Denmark” nel 2010, un potente album da svelare ai suoi demoni (il suo orientamento sessuale, per esempio) e le sue dipendenze (alcol, droghe). Il suo secondo album seguito ( “Pale Green Ghosts”), durante una nuova vita in Islanda con premi e riconoscimenti sia dalla stampa che dall’industria musicale.

Ha inoltre collaborato con l’Orchestra Filarmonica della BBC, così come Hercules e Love Affair (dove ha iniziato a mostrare il suo lato avventuroso come solista) e con cover molto personali di Elton John e Lee Hazlewood (quest’ultimo insieme a Alison Goldfrapp), su entrambi con i rispettivi album.

E’ con quindi con Grant che conclodiamo questo FOFF Part.1 con una sua perla :



About

Innamorato della musica in ogni sua forma e dimensione, in continua evoluzione ed espansione. "Only one rule : MUSIC , thanks."


'Sònar Barcellona 2016 – FOCUS ON FOR FOUR Part.1- Mind Against, Howling, Four Tet, John Grant.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

© 2014 PolpettaMag | web credits