marmo

MARMO – MARMO [Debut LP]

Nella quotidiana ricerca di nuovi piaceri “extra-sensoriali” capita ogni tanto di imbattersi in qualcosa di realmente stimolante.

A proposito di questo vogliamo segnalarvi che proprio pochi giorni fa si è aperta la campagna di raccolta fondi sul canale “Kickstarter” indetta dal duo Marmo, volta alla produzione fisica e alla distribuzione (attraverso Southern Record Distributors di Londra) del loro omonimo LP di debutto.

Abbiamo conversato piacevolmente con loro fra un panino, una sigaretta e due gag, cercando di penetrare nei lati più profondi della loro personalità, ricostruendo quale è stato l’elemento trainante per la creazione del loro primo LP.

Marco Maldarella e Christian Duka (entrambi classe ’94), amici sin da piccoli condividono la passione per la musica suonando Metal nella band “Shen”.

Christian attualmente insegna al SAE di Londra, Marco invece si occupa di grafica, video making e visuals a Bologna.

Nell’Aprile 2016 decidono di intraprendere un percorso più elettronico, abbandonando gli strumenti e dedicandosi alla produzione digitale, mantenendo comunque le trame imprevedibili che caratterizzano le tecniche produttive di molti complessi, ovvero mediante lunghe jam session.

marmo live

I loro live si sono contraddistinti (oltre che per la non appartenenza al classico schema “strofa + ritornello”) su diversi terreni importanti come: Coccoricò, Tresor, Link e anche in territori londinesi grazie al progetto “Holistic”, con sonorizzazione a cura di Christian (a Londra) accompagnato dai video muti creati da Marco (in Italia).

In poche parole un duo vivace ed estroso, col desiderio di rimettere in discussione l’emotività che la musica elettro-acustica è in grado di trasmettere.
Seguendo questo principio la techno dei primi live viene soppiantata da produzioni più massicce, complesse ed incisive per la sensibilità emozionale dell’ascoltatore.

Il disco di cui vi parliamo oggi è stato scritto nella porzione Pugliese denominata “Gargano”.

Comprende spezzoni di una sessione durata 4 giorni, il cui percorso ha inseguito la ricerca di loro stessi e il raggiungimento dell’equilibrio necessario a ristabilire le connessioni con i propri simili mediante la distruzione delle “bolle”(paure,debolezze,chiusure… chiamatele un po’ come preferite) che spesso ci separano dal mondo esterno.

Tutto ciò che troverete qui dentro non è nient’altro che un tentativo altruista di approfondire temi come questi attraverso le emozioni che può fornire la musica.
Non vi sono solo paesaggi ignoti ed introspezione dietro gli spunti di questo album, ma viene rivolta particolare attenzione alla mente del fruitore.
Ogni traccia è profonda e grintosa, malinconica e gloriosa, dal mood noise-drone che lascia sempre le porte aperte al proliferare dell’elettronica più pura.

Le parole di Marco e Christian alludono anche a stati di alienazione, come se le articolate e rabbiose texture di sottofondo vogliano andare a spolverare ricordi e sentimenti appartenenti ad altri contesti, lontani anni luce dal dancefloor, ma allo stesso tempo dannatamente azzeccati.

Parte di queste riflessioni è ripresa dalla foto in copertina, la quale non ha ceduto al fascino dei trattamenti grafici, preservando così una naturale espressione decadente della “comfort zone”.

marmo debut lp

Un’ulteriore allegoria della vita in cui la maestosità della natura e il senso di protezione offerto da un albero durante una immaginaria pioggia scrosciante, si infrange contro la figura di una persona che ha cercato ricovero su una rete senza materasso.

Musicalmente parlando nessun suono è scontato.

Come non viene imposto alcun vincolo all’avanzare dei tempi e dei ritmi.

Questa volta la velocità perde importanza poichè ovattata da nuvole di arpeggi melodici e sgranati in grado di prendersi carico della costanza ritmica, distogliendo chiunque dalle ormai vecchie aspettative legate all’arrivo di un momento “da ballo”.

Oggi la techno vive un ottimo momento anche grazie al un nuovo approccio teatrale dei MARMO che, con questo album, cercano la possibilità di trasmettere un messaggio, piuttosto che affermarsi sul mercato.

7 tracce in diversi formati: 300 copie limitate in gatefold con doppio vinile contente gli artwork grafici di Marco, in digitale e (visti i  molteplici feedback positivi) una suite di suoni estratti dal live.
E’ possibile aderire alla campagna di raccolta fondi fino al 17 Dicembre seguendo le modalità consigliate sul sito http://kck.st/2xL9JPw, riservandovi di diritto la vostra copia in pochi click e nel formato desiderato.

Consigliamo dunque di stare sul pezzo e di seguire i passi di questo giovane duo, e ovviamente di fare la vostra parte per lo sviluppo creativo di tutti gli artisti in cui credete o di cui ne condividete i princìpi.

Noi intanto vi lasciamo qui, in esclusiva, il 5° estratto dal debut LP dei MARMO, sicuri che possa riassumere in 10 minuti (ed in maniera più chiara) quanto appena esplicato in 743 parole.


About

"Tra il più profondo caos che accomuna le metropoli con quello che anima gli spiriti dei suoi abitanti, non puó esservi altro che un linguaggio alternativo per evitare l'autodistruzione. Un linguaggio in grado di ricreare la pace. Per questo esiste l' intrattenimento." Dalle pubbliche relazioni alla produzione di eventi, passando attraverso l esperienza radiofonica. Background "techno based". Condivide opinioni dal 2013 (e idiozie da 21 anni prima).


'MARMO – MARMO [Debut LP]' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

© 2014 PolpettaMag | web credits