reviw

I Mondo Naif, un tarlo che ti si insinua dentro: un pó’ turbo, un pó’ lento.

10407243_10152636898991525_4419929453828823796_n

Sono a Monaco e mi ritrovo a scrivere dei Mondo Naif, che curiosa coincidenza. Spesso la vita ci porta a conoscere luoghi, persone, quando meno te l’aspetti.

Un pò come quando nel 2008 Stefano, Carlo e Alberto si incontrano,proprio nella cittá del Oktoberfest.

Da questo incontro e dalla passione comune per la musica nacquero i Mondo Naif. Un progetto il loro volto a portare la musica rock, in italiano, in giro per lo stivale. Noi tanto amanti del bel paese e allo stesso tempo diffidenti nei confronti della musica cantata in italiano.

Il primo disco ‘Essere sotterraneo’ (2012) e calcare palchi affianco a band come gli Afterhours, Zen Circus, I Ministri li fa conoscere al pubblico.

Nel 2013 entrano a far parte delle band fondatrici del collettivo Sotterranei ridando voce alla musica dal vivo nella città patavina.

‘Turbolento’ è il loro secondo album prodotto e mixato nel Groove Studio da Tommaso Mantelli e pubblicato lo scorso 19 gennaio da Dischi Bervisti, Dreaming Gorilla Rec e Go Down Records.

La loro musica é una scarica di adrenalina: stoner di quello grezzo,più ruvido della carta vetrata.

“Turbolento é nato [..] da una rinnovata esigenza di esprimerci, con sonorità diverse, ispirazione diversa, riferimenti diversi dai precedenti”, dichiarano.

Una band maturata che vuole fare il verso a chi li aveva definiti la versione moderna dei Verdena o troppo legati alle sonorità degli Afterhours.

Turbolento e il suo animo duale: un po’ turbo, un po’ lento.

Tracce strumentali come Aquilone si alternano a pezzi psichedelici. Un album che parla di atmosfere oniriche. Forse mi lascio trasportare un po’ troppo da questo suo lato ai confini della (ir)realtà tanto da immaginarmi, ascoltando Vexilla Regis Prodeunt Inferni, una Frau Merkel in vacanza in Andalusia agghindata di tutto punto darci dentro di ‘sevillanas’. Olé!

Flamenco puro, introdotto da una ‘falseta’ degna di nota. Ma vengo riportata al non tempo, a fare non cose.

Lisergici e allo stesso tempo graffianti. Come un tarlo ti si annidano nel cervello, lentamente e traccia dopo traccia non ne puoi più fare a meno:” la mia convinzione é un’idea. Nulla di più…speciale!”

Fare rock in italiano? Una sfida!

Io punto sul trio Mondo Naif vincente.

Tracklist

1. Non tempo

2. Aquilone

3. Per sempre

4. THC

5. Scatole magiche

6. Maelstrom

7. Verve

8. Niente

9. Vexilla Regis Prodeunt Inferni

10. Belfagor

Fb : Mondo Naif

www.mondonaif.it

 



About

Quell'assolo dal suono graffiante che ti fa accapponare la pelle, il groove da brivido lungo la schiena, il primo concerto, il cantare a squarcia gola canzoni che hanno fatto la tua adolescenza sbronzi in un sabato sera qualunque, accordi distorti e allo stesso tempo più intesi di un bacio appassionato. Troppo esagerata? No! C'è chi vive d'amore, chi di speranze e poi ci sono io che ho fatto della musica rock e indie la colonna sonora della mie giornate. E poi ci sei tu: che potresti entrare nel mio mondo, in punta di piedi, ma sotto le note di Silver and Cold degli AFI (per nominarne una a caso!).


'I Mondo Naif, un tarlo che ti si insinua dentro: un pó’ turbo, un pó’ lento.' has no comments

Be the first to comment this post!

Would you like to share your thoughts?

Your email address will not be published.

© 2014 PolpettaMag | web credits